Leggi Anche

favola leicester

Cosa possiamo imparare dalla favola Leicester?

Ci sono pochi dubbi, l’evento che più di tutti ha movimentato il web la scorsa settimana è stata la vittoria della Premier League Inglese da parte del Leicester City, guidato da Claudio Ranieri. La storia ormai la conoscono quasi tutti ed è quella di un gruppo di ragazzi e di un allenatore che hanno saputo scrivere una favola a lieto fine nella vita reale sportiva.

Ecco cosa mi ha insegnato questo splendido sogno trasformatosi in realtà…

Niente è veramente impossibile?

Impossible is nothing. Così recitava uno dei più importanti claim dell’Adidas. Ma veramente niente è impossibile? A guardare la storia del Leicester sembrerebbe proprio di sì. Una squadra partita con l’obiettivo di non arrivare nelle ultime tre posizioni vince una competizione ai cui nastri di partenza vi erano avversarie meglio attrezzate per conquistare la vittoria finale. La realtà è che il concetto di “niente è impossibile” è estremamente labile e ricco di sfaccettature. Forza di volontà, motivazioni, sentimenti spesso ci spingono oltre i nostri limiti, ci aiutano ad arrivare dove non avremmo mai pensato e raggiungere traguardi all’apparenza distanti anni luce dalle nostre possibilità. A volte, però, anche con il massimo degli sforzi non riusciamo a raggiungere tutti gli obiettivi che ci siamo prefissati. Questo significa che era davvero impossibile? Può essere, come può darsi che non fosse il momento giusto o mille altre ragioni. L’importante è averci provato e non avere rimpianti. Se il Leicester fosse arrivato secondo? Addio impresa storica? Forse per gli annali e per le statistiche, sicuramente non per il cuore delle persone che hanno seguito questa favola settimana dopo settimana…

Arriverà sempre il tempo dei sacrifici…

Per raggiungere i propri obiettivi servono sempre dei sacrifici. Prendiamo la storia del giocatore simbolo di questa squadra: Jamie Vardy. Fino a qualche anno fa metalmeccanico presso le fabbriche di Sheffield si è ritrovato in pochi anni a essere uno dei migliori giocatori professionisti del campionato inglese. Nel passato di Vardy anche un braccialetto elettronico da indossare in seguito alla colluttazione avvenuta in un pub e una condotta di vita non sempre esemplare. Nel giro di pochi anni grazie al calcio Vardy si è trovato a guadagnare cifre prima mai viste e inizialmente non sembra essere riuscito a gestire questo grande cambiamento: gli aneddoti ci parlano anche di un Vardy ubriaco agli allenamenti. La svolta della sua carriera? La storia racconta di un cambiamento di mentalità e di una nuova vita da atleta che lo hanno portato a raggiungere risultati mai pensati prima. Vardy è diventato grande grazie al suo passato ma soprattutto al suo presente, ha saputo cambiare il suo atteggiamento nei confronti del lavoro e sopratutto della sua vita. Se vuoi raggiungere risultati importanti devi anche aspettarti sacrifici commisurati e non sempre questi vengono ripagati nell’immediato ma pazienza e costanza sono virtù imprescindibili per chi insegue degli obiettivi.

Leicester City: fenomeno social

Quella del Leicester City è stata sicuramente una favola che ha vissuto e ha tratto nutrimento dai social. La partecipazione emotiva che ha accompagnato le ultime fasi di questa Premier Leaugue in tutta Italia è stata sicuramente unica. Facebook e compagnia hanno contribuito a creare un clima di empatia tra Leicester e il resto del mondo. In Italia le iniziative social non sono mancate: dalla #macchinataignorante alle numerose pagine che ogni giorno ci aggiornavano, con ironia, leggerezza e trepidazione sulle avventure delle Foxes. Il fenomeno Leicester è esploso anche e sicuramente nel web. Per comprendere basta guardare l’andamento del volume di ricerche del termine Leicester in Italia (fonte Google Trends).

leicester-google-trend

La domanda che mi sono posto è se senza i social questa favola sarebbe stata vissuta con la stessa partecipazione emotiva sia in Italia che nel resto d’Europa? Sinceramente non credo ma non ne potremo mai avere la controprova. Quello che è certo che è che la favola Leicester ha avuto tanto dal mondo social ma tanto ha dato anche ai suoi utenti in termini emotivi, di speranze e di sogni.

Sulla favola Leicester ci sarebbe da dire questo e tanto altro ma penso che tre elementi chiave che potremmo portare nella nostra vita siano:

  • credere sempre nei propri obiettivi a prescindere che possano sembrarci possibili o meno;
  • costanza e sacrifici sono, purtroppo o per fortuna, condizioni essenziali per costruire il proprio successo;
  • creare empatia con chi ci sta vicino è fondamentale per trovare l’entusiasmo in ogni momento.

E voi? Avete imparato qualcosa dalla favola Leicester?

Simone

Laureato in Scienze della Comunicazione e Comunicazione Pubblica mi occupo di copywriting, web e social media marketing. Faccio parte dei "folli freelance del web"...